Dal piano di rientro alla Riqualificazione

Realizzare un Servizio Sanitario Regionale fondato sull’ “eccellente normalità” è stato l’obiettivo ispiratore dell’attività promossa dall’Assessorato regionale della Salute, fin dal giugno 2008 (insediamento dell’Assessore Massimo Russo) a seguito dell’adempimento del Piano di rientro e riqualificazione della spesa sanitaria siglato con lo Stato.
Nel raggiungimento di questi obiettivi è stato fondamentale confrontarsi con gli altri sistemi sanitari attraverso l’Agenas, Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali.
Obiettivo che sta alla base  anche del  Piano della Salute 2011-2013, che in Sicilia mancava da oltre 10 anni e costituisce il principale atto di programmazione sanitaria.
Due sono stati i principi fondamentali su cui si è basata l’azione di rinnovamento:
•Il bisogno di ricostruire il rapporto fiduciario medico-paziente, restituendo credibilità all’intero sistema, realizzando, nella logica del rinnovamento, la vera sfida di un servizio sanitario che pone al centro il cittadino e i suoi bisogni, senza spingerlo a migrare in altre regioni per la risposta ai suoi  bisogni assistenziali;
•L’importanza di garantire percorsi di cura più appropriati e di qualità e, nello stesso tempo, in armonia con le risorse disponibili.
Buon senso, responsabilità e logica della condivisione, sono state le condizioni necessarie per passare, in questi anni, dalla programmazione all’attuazione dell’impegno preso con i cittadini, per realizzare quell’ ”eccellente normalità”, che fa del Sistema Sanitario Regionale siciliano un sistema che avanza con standard di qualità europei.