Ufficio Stampa - Notizie dalle province

In evidenza
SIRACUSA \ ASP Siracusa
30/12/2016 - 13:15

ASP SIRACUSA, BILANCIO DI FINE ANNO RADIOTERAPIA E PET TRA I PIU’ IMPORTANTI PROVVEDIMENTI DEL 2016

~~UFFICIO STAMPA

Corso Gelone, 17  Siracusa - 96100
Tel. 0931 484324 Fax 0931 484319
ufficio.stampa@asp.sr.it                       Prot. n.4032/2016. U.S                             Siracusa, lì  30/12/2016
www.asp.sr.it
CARTELLA STAMPA

ASP SIRACUSA, BILANCIO DI FINE ANNO
RADIOTERAPIA E PET TRA I PIU’ IMPORTANTI PROVVEDIMENTI DEL 2016
E PER IL PROSSIMO FUTURO IMPEGNO DI TUTTI PER IL NUOVO OSPEDALE

Un appello a tutti gli attori a vario titolo interessati affinché ogni azione, a partire dal primo giorno del nuovo anno, sia orientata a concretizzare la realizzazione del nuovo ospedale di Siracusa, ciò che di più importante il capoluogo ha davvero bisogno. A lanciarlo è stato il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta rispondendo alle domande dei giornalisti nel corso della tradizionale conferenza stampa di fine anno.
L’anno che sta per concludersi è stato caratterizzato da numerose  importanti novità per l’Asp di Siracusa che hanno consentito al territorio di vedere attivati nuovi e fondamentali servizi sanitari, nell’ambito oncologico, mai esistiti in passato: la Radioterapia e la Pet/Tc, con la ristrutturazione della Medicina nucleare, per citarne alcuni tra i più importanti, che hanno consentito di mettere la parola fine ai viaggi della speranza che i pazienti siracusani hanno dovuto subire nel passato con evidenti ed indicibili disagi sia per loro che per i  propri familiari.
Lo ha ricordato il direttore generale Salvatore Brugaletta in apertura della conferenza stampa insieme con i direttori sanitario e Amministrativo Anselmo Madeddu e Giuseppe Di Bella, alla quale hanno partecipato anche numerosi dirigenti aziendali di strutture sia territoriali che ospedaliere. A questi ultimi il direttore generale e i direttori sanitario e amministrativo hanno espresso calorosi ringraziamenti, da rivolgere a tutto il personale, poiché “è grazie al lavoro di squadra – hanno detto – e al senso del dovere e dell’appartenenza che manifestate in ogni momento, anche in quelli più difficili, che si possono ottenere risultati concreti ponendo sempre al centro la risposta ai bisogni sanitari e ad una migliore assistenza a favore dei cittadini di questa provincia”. Ringraziamenti anche agli organi di stampa “il cui prezioso impegno e l’assidua vicinanza ci consente – hanno sottolineato – di dare informazione ai cittadini sull’attività dell’Azienda”. Il direttore generale non ha mancato di ricordare l’impegno delle organizzazioni sindacali, del terzo settore e delle autorità siracusane nel costante rapporto di sinergia e di collaborazione che si è instaurato, tra questi quello della Prefettura nel difficile compito della gestione degli sbarchi e dell’accoglienza ai migranti.
 Nel corso della conferenza stampa è stata distribuita copia dell’ultimo numero della rivista aziendale “Asp Siracusa in forma” realizzata dall’Ufficio Stampa aziendale, nella quale, tra l’altro, è stato contemplato un ampio speciale sul Salus Festival che si è svolto dal 24 al 26 novembre a Siracusa con allegato un DVD contenente un suggestivo video della manifestazione.
Il direttore amministrativo Giuseppe Di Bella ha ricordato come anche nell’ambito amministrativo sia sempre presente l’attenzione per raggiungere nuovi traguardi e rendere sempre più efficiente e adeguata la macchina amministrativa per il supporto indispensabile all’attività sanitaria. In questo senso, ha aggiunto, le Aziende sanitarie dell’Isola, compresa questa di Siracusa, sono impegnate in una importante revisione dei propri procedimenti in prospettiva dei percorsi attuativi di certificazione del bilancio.

 
Il 2016 è stato anche l’anno del cambiamento in termini di nuova organizzazione sanitaria, ha ricordato il direttore generale Salvatore Brugaletta, con l’approvazione del nuovo atto aziendale e della nuova pianta organica che stravolgeranno in termini positivi l’intero sistema. Il primo atto conseguente è stato rappresentato, nel rispetto dell’impegno assunto, dal completamento del processo di stabilizzazione degli ex lavoratori socialmente utili che, dopo anni ed anni di attesa, sono stati finalmente inseriti nell’organico a tempo indeterminato. Il processo di stabilizzazione era iniziato nel 2012 con l’immissione in servizio a tempo indeterminato a 36 ore a far data dall’1 agosto dei restanti 96 contrattisti ex Lavoratori socialmente utili, in altrettanti posti di coadiutore amministrativo su un bacino complessivo storico di 175.

Il nuovo disegno di sviluppo strategico dell’Azienda, come ha sintetizzato il direttore sanitario Anselmo Madeddu,  ha previsto il potenziamento del ruolo di Ospedali di frontiera nei riguardi dei Presidi di Lentini a nord e di Avola-Noto a Sud, rafforzandoli anche nella gestione dell’emergenza con l’attivazione delle Rianimazioni e con la mission infine di arginare la “fuga”, utilizzando nella zona sud anche una forte integrazione con il Privato accreditato (specializzando Noto anche nel post-acuzie). La specializzazione del Presidio di Augusta come Polo di riferimento Oncologico Provinciale con l’attivazione di Onco-Ematologia ed Oncologia Medica, dando un indirizzo oncologico alla locale chirurgia, ed integrando meglio il presidio ospedaliero megarese con l’attuale rete oncologica (ad esempio con la Breast Unit) e con l’ospedale Umberto I, utilizzando a pieno i fondi aggiuntivi previsti per le cosiddette aree a forte rischio ambientale di cui alla L.R. 5/2009 art. 6.
 Il nuovo disegno ha previsto inoltre il potenziamento del presidio ospedaliero di Siracusa come presidio di riferimento provinciale per tutte le branche di più alta specialità, con un progetto di sviluppo a breve medio termine per dare risposte più immediate e rafforzare i servizi già esistenti con il potenziamento della Stroke Unit e dei Percorsi Nascita in rete con gli altri presidi e il potenziamento della rete Cardiologica-Emodinamica sempre in rete con gli altri presidi, nelle more che prenda corpo il progetto a più lungo termine incentrato invece nella realizzazione del nuovo ospedale.
Con il nuovo disegno l’Asp di Siracusa intende, dunque, rispondere alle maggiori criticità dal punto di vista epidemiologico, oltre che gestionale, nella provincia di Siracusa.

In tema di sicurezza delle strutture aziendali il direttore generale Salvatore Brugaletta ha evidenziato che quest’anno l’Asp di Siracusa, aderendo alle previsioni normative per la prevenzione incendi, ha presentato il 24 aprile scorso le segnalazioni certificate di inizio attività (Scia) al Comando provinciale dei vigili del fuoco per le strutture aziendali ospedaliere e territoriali.

Nell’ambito delle azioni di sensibilizzazione e informazione destinate ai fruitori dei Pronto Soccorso dei Presidi ospedalieri della provincia di Siracusa, è stata realizzata una massiccia campagna di informazione e di formazione sulla esistenza del servizio di accoglienza curato da psicologici e del Codice Rosa nei Pronto soccorso, divulgando le modalità di fruizione del percorso di accesso all’Area di Emergenza dedicato alle vittime di violenza. Notevole è stato anche l’impegno finalizzato al miglioramento dei tempi medi di presa in carico dei pazienti nei Pronto soccorso.

In applicazione della nuova programmazione aziendale e nel rispetto degli impegni assunti dall’Asp di Siracusa con la cittadinanza di Augusta, è stato attivato nell’ospedale megarese il nuovo reparto di Neurologia. Il potenziamento dell’ospedale Muscatello di Augusta, proiettato quale polo di riferimento oncologico provinciale e Centro regionale per la diagnosi e cura delle patologie da esposizione all’amianto, rappresenta uno dei punti cardine del piano di riorganizzazione predisposto dall’Azienda “che ci ha visti incessantemente impegnati, soprattutto in quest’ultimo anno – ha detto il direttore generale - sia nel completamento di nuovi interventi strutturali, che nella risoluzione di gravi criticità sollevate dai Nas e dalla Procura di Siracusa che se non tempestivamente risolte avrebbero decretato la chiusura dell’ospedale”.
Nell’ospedale di Augusta, sono stati realizzati i lavori di ristrutturazione e adeguamento delle sale operatorie del vecchio padiglione, l’adeguamento alla prevenzione incendi (compartimentazione antincendio, rilevazione fumi, impianto di allarme EVAC) e con un accordo quadro biennale viene curata la manutenzione, l’ammodernamento ed il mantenimento dei presidi antincendio anche nel nuovo padiglione. E’ stata realizzata la nuova cabina elettrica, installato un nuovo gruppo elettrogeno ed un gruppo di continuità e messi in esercizio gli impianti di riscaldamento e condizionamento nel nuovo padiglione e la nuova centrale di gas medicali. Sono stati completati la segnaletica e parcheggi ed i lavori di completamento della passerella di collegamento del vecchio e del nuovo padiglione che è già entrata in servizio, è stata realizzata la nuova camera mortuaria con annessa sala autoptica, sono stati eseguiti numerosi interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dei locali del vecchio padiglione, tra questi in particolare, nei servizi Farmacia, Bar e corridoio antistante, Pronto Soccorso.
Sempre ad Augusta è stata realizzata l’integrazione ospedale/territorio con la creazione della “Cittadella della salute”, che ha inglobato nella medesima struttura tutti gli ambulatori territoriali e in questi giorni sono in via di completamento i trasferimenti nei nuovi locali del nuovo padiglione del Pronto soccorso, del Laboratorio analisi già trasferito, e della Radiologia. Trasferimenti che saranno completati 31 dicembre 2016. Inoltre, è stata migliorata l’organizzazione del lavoro nei reparti con l’incremento dei posti letto disponibili sia in Chirurgia che nel nuovo reparto di Neurologia evitando il rischio di carenza di posti letto e recentemente, grazie a tale incremento e all’impegno profuso dal personale medico e infermieristico del presidio ospedaliero, è stato possibile iniziare gli interventi chirurgici per la terapia del dolore cronico. Di rilevante importanza, ancora, l’istituzione dell’ambulatorio di Consulenza Genetica al Muscatello di Augusta, di recente inserito nella Rete regionale della Genetica medica istituita dall’Assessorato regionale della Salute secondo il modello Hub e Spoke per garantire su tutto il territorio siciliano equità di condizioni di accesso e di fruizione dei servizi. L’Azienda sta proseguendo nel piano di riorganizzazione secondo il disegno preordinato che prevede l’attivazione dei reparti di Oncologia, Oncoematologia, Chirurgia ad indirizzo oncologico.

Tante le iniziative realizzate quest’anno nel campo della prevenzione, dalle campagne di screening per la prevenzione dei tumori del collo dell’utero, del colon retto e della mammella, agli interventi per i disturbi alimentari, le ludopatie, l’abuso di alcol e di stupefacenti causa di incidenti stradali tra i giovani, all’autismo, all’anticorruzione.

Tra queste, per il quinto anno consecutivo, è stata rinnovata la convenzione per la prevenzione oncologica a favore dei cittadini di Priolo Gargallo. L’accordo è stato sottoscritto dal direttore generale dell’ASP di Siracusa Salvatore Brugaletta, dal Vicedirettore Generale Risorse Umane e Relazioni Esterne di ISAB S.r.l. Claudio Geraci e dal Sindaco di Priolo Gargallo Antonello Rizza.  L’ASP mette a disposizione i propri specialisti, il Comune di Priolo Gargallo fornisce i locali dove potere effettuare gli screening oncologici ed ISAB sosterrà finanziariamente il progetto.

Nel processo di integrazione ospedale/territorio, anche a Siracusa è nata, all’ospedale Rizza, la “Cittadella della Salute” con il trasferimento dei servizi specialistici ambulatoriali dal Poliambulatorio di via Brenta al presidio di viale Epipoli così come a Lentini dove gli ambulatori del Distretto sanitario sono stati trasferiti dai locali di piazza Aldo Moro all’ospedale, concentrando in un’unica struttura, quella dell’ospedale di Lentini, tutti i servizi territoriali con locali a norma ed adeguati alle esigenze sia degli utenti che del personale sanitario che vi opera, tutta l’offerta sanitaria.

Tornano nel Centro storico Ortigia di Siracusa l’Ambulatorio di Guardia Medica e il Presidio sanitario di emergenza 118. I due servizi sanitari saranno ubicati nell’immobile demaniale “Casermetta Mazzini”, in via Riva Mazzini, banchina n. 7 al Foro Italico, concesso dalla Capitaneria di Porto all’Asp di Siracusa in comodato d’uso per i prossimi vent’anni. Il verbale di consegna dell’immobile è stato sottoscritto ad aprile dal comandante della Capitaneria di Porto di Siracusa Domenico La Tella e dal direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta.

Sul fronte della prevenzione sono state realizzate campagne informative nei vari comuni della provincia sugli screening oncologici per incrementare l’adesione della popolazione target.
Il Centro Gestionale screening dell’Asp di Siracusa ha aperto per l’esecuzione del pap test un nuovo punto prelievo a Lentini in aggiunta a quelli già esistenti su tutto il territorio provinciale.
Il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) dell’Asp di Siracusa ha organizzato corsi di formazione gratuiti destinati agli operatori del settore alimentare che intendono produrre, somministrare e vendere alimenti destinati a soggetti celiaci.
Sul fronte dell’assistenza oncologica è stato avviato in Sicilia un nuovo modello di assistenza domiciliare che porta la chemioterapia orale a casa dei pazienti con rilevanti vantaggi sotto i profili etico, sociale ed economico. Al progetto, promosso dall’Oncologia medica dell’Asp di Siracusa, con la collaborazione delle Associazioni A.I.O.T.E. e Promuovere, partecipano le Oncologie degli Ospedali San Giovanni Di Dio di Agrigento, Vittorio Emanuele di Gela, Garibaldi di Catania, S. Vincenzo di Taormina, Policlinico Giaccone, Civico e Cervello di Palermo, S. Antonio Abate di Trapani.
L’Asp di Siracusa ha avviato, per la prima volta in Sicilia, la teledialisi domiciliare per emodializzati, un sistema on line di monitoraggio e di teleassistenza con videocamera utilizzato dai quattro pazienti che praticano emodialisi domiciliare a Sortino, Floridia, Priolo e Siracusa.

Il Servizio Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro dell’Asp di Siracusa ha promosso un corso di formazione giuridica per i tecnici della prevenzione impegnati, in applicazione del protocollo d’intesa siglato tra l’Azienda sanitaria e la Procura della Repubblica di Siracusa, nelle attività di indagine nei casi di gravi infortuni sul lavoro e di malattie professionali

Sul fronte della prevenzione delle stragi del sabato sera, per il sesto anno consecutivo è stata realizzata l’attività su strada insieme con la Polizia stradale. In strada le pattuglie della polizia ed un camper sanitario attrezzato per la diagnosi degli stati di alterazione da droghe ed alcool
Sul fronte della Trasparenza l’Asp di Siracusa ha proceduto al costante aggiornamento del sito internet aziendale in applicazione della normativa in materia ponendosi tra le Aziende sanitarie al primo posto nazionale per il rispetto dei parametri imposti.

Nella lotta alla corruzione l’Asp di Siracusa ha partecipato quest’anno quale soggetto pilota del progetto “Curiamo la corruzione” promosso da Transparency International Italia, Ispe-Sanità, CENSIS e Centro Ricerche e Studi su Sicurezza e Criminalità, al programma di informazione e formazione contro la corruzione in Sanità ed ha attivato un portale online per la segnalazione da parte dei dipendenti, anche in forma anonima, di presunti illeciti e irregolarità di cui sono a conoscenza. Il sistema è stato implementato nel sito internet dell’Asp di Siracusa all’indirizzo www.asp.sr.it, e si accede cliccando sull’icona posta nella colonna di destra dell’home page.

Agata Di Giorgio

Responsabile Ufficio Stampa

 


 

A cura dell'Ufficio Stampa - ASP Siracusa
Affina la ricerca
Fonte
Da
A