Il cortometraggio dell'Asp di Ragusa sul gioco d'azzardo patologico in concorso al David di Donatello

C’è anche MAGIC SHOW, il cortometraggio di Andrea Traina che promuove il contrasto al gioco d’azzardo patologico, fra i film in concorso al David di Donatello 2020.

La pellicola è una fiaba moderna che affronta il delicato tema della dipendenza patologica da gioco d'azzardo attraverso l'intensità di un inedito e straordinario Nino Frassica, impegnato per la prima volta in un ruolo drammatico. E’ la storia di Ulisse, un ex-imprenditore vessato dagli usurai, che a causa del vizio del gioco, ha visto andare in pezzi tutta la  sua vita.

Il film, girato a Vittoria in provincia di Ragusa,  è stato promosso dall'assessorato regionale Salute della Regione Siciliana e finanziato dalla ASP di Ragusa UOC Dipendenze per il contrasto alla dipendenza dal gioco d’azzardo patologico. L’iniziativa, infatti, rientra in una più vasta azione a cura del Dasoe dell’Assessorato per contrastare le dipendenze.

Il cortometraggio, infatti, attraverso i codici e le suggestioni della fiaba vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sul drammatico fenomeno e sulle sue conseguenze sociali, sanitarie ed economiche, per contribuire a un cambiamento reale e sostanziale dei dati allarmanti sulla dipendenza legata al gioco d’azzardo

La sceneggiatura è firmata dal regista del corto, Andrea Traina, insieme a Ornella Sgroi e Davide Vigore. La produzione è affidata a Onirica S.r.l., con la collaborazione di Studio Riva, e con il patrocinio del Comune di Vittoria.

Nei giorni scorsi ‘Magic Show’ è stato presentato al 7° Peace Film Festival di Vittoria e al 19° Festival Internazionale del Cinema di Frontiera di Marzamemi.

Mercoledì, 18 Dicembre 2019