PREVENZIONE

Anche in Sicilia è necessario rispettare i protocolli e le raccomandazioni utili ad interrompere la catena del contagio dal Coronavirus: 

ATTIENITI ALLE REGOLE E SEGUI I COMPORTAMENTI CONSIGLIATI PER SALVAGUARDARE TE E GLI ALTRI

F.A.Q.

E' un virus a RNA rivestito da un capside e da un peri-capside attraversato da strutture glicoproteiche che gli conferiscono il tipico aspetto ‘a corona’.

La malattia provocata dal nuovo Coronavirus ha un nome: “COVID-19” (dove "CO" sta per corona, "VI" per virus, "D" per disease e "19" indica l'anno in cui si è manifestata). 

Il nuovo Coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata o con soggetti paucisintomatici o asintomatici. La via primaria sono le  goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite:

  • la saliva, tossendo e starnutendo
  • contatti diretti personali
  • le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi
  • In casi rari il contagio può avvenire attraverso contaminazione fecale.

Normalmente le malattie respiratorie non si trasmettono con gli alimenti, che comunque devono essere manipolati rispettando le buone pratiche igieniche ed evitando il contatto fra alimenti crudi e cotti.

Perché è un virus nuovo e come tale non ancora pienamente conosciuto. Inoltre, può dare adesioni nelle vie respiratorie profonde e sviluppare, tra l'altro, polmoniti interstiziali, ponendo a rischio la vita dei pazienti soprattutto se affetti da altre patologie croniche. 

E' importante sapere che la maggior parte delle persone (circa l'80%) guarisce dalla malattia senza bisogno di cure speciali, mentre solo circa 1 persona su 6 con COVID-19 sviluppa complicanze respiratorie.

Le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie pre-esistenti, quali diabete e malattie cardiache.

Assolutamente no! Devi contattare il tuo medico di famiglia o i numeri dedicati: 1500 oppure 112 o 118.

Le misure messe in campo, in ottemperanza alle direttive ministeriali, servono a permettere una rapida identificazione dei casi sospetti, a consentire un adeguato isolamento e trattamento dei casi e favorire la ricerca di eventuali contatti per interrompere potenziali catene di trasmissione.

Si stima che il periodo di incubazione vari in media tra 3 e 7 giorni e fino a un periodo massimo di 14 giorni.

La principale via di trasmissione del virus, secondo l’OMS, avviene attraverso il contatto stretto con persone sintomatiche. Ma è ritenuto possibile, che anche persone nelle fasi iniziali della malattia, con sintomi molto lievi o assenti, possano trasmettere il virus.

  • Indossa la mascherina
  • Mantieni la distanza di sicurezza di almeno un metro
  • Lavati frequentemente le mani, con acqua e sapone o un disinfettante a base alcolica, per eliminare il virus;
  • Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute perché il virus può essere trasmesso a distanza ravvicinata;
  • Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani perché con le mani si toccano molte superfici che possono essere contaminate dal virus;
  • Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci per impedire la diffusione di germi e virus;
  • Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  • Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
  • Usa mascherina in lattice;
  • I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi;
  • Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo Coronavirus;
  • Se hai febbre o tosse e sei tornato dalle zone dei focolai da meno di 14 giorni contatta il medico di famiglia o l'Asp di riferimento.

L’uso della mascherina è fondamentale a limitare la diffusione del virus, sono importanti le altre misure di igiene respiratoria e delle mani. Non è utile indossare più mascherine sovrapposte. 

Allo stato attuale non ci sono evidenze scientifiche che l’uso dei farmaci antivirali prevenga l’infezione da nuovo coronavirus.

Il Ministero della Salute ha realizzato un sito dedicato: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus e attivato il numero di pubblica utilità 1500.

La Regione Siciliana ha predisposto il numero verde gratuito 800458787 per assicurare ogni assistenza utile alla cittadinanza nell'ambito dell'emergenza Coronavirus. Nello specifico vengono fornite informazioni e assistenza sulle misure adottate sul territorio nazionale ed in Sicilia. Tale servizio, attivo 24 ore su 24,  è stato anche previsto per contrastare il dilagare di dati non attendibili e notizie segnatamente false.

Cosa devono sapere le future mamme

Non sono stati riportati casi di trasmissione dell’infezione da altri coronavirus (MERS-CoV e SARS-CoV) da madre a figlio. I dati recenti riguardo bambini nati da madri con COVID-19 indicano che nessuno di essi è risultato positivo. Inoltre, il SARS- CoV- 2 non è stato rilevato nel liquido amniotico. E' sempre utile confrontarsi con il proprio medico.

Non sono riportati dati scientifici sulla suscettibilità delle donne in gravidanza al virus. La gravidanza comporta cambiamenti del sistema immunitario che possono aumentare il rischio di contrarre infezioni respiratorie virali, tra cui quella da nuovo coronavirus. Inoltre le donne in gravidanza potrebbero mostrare un rischio maggiore di sviluppare una forma severa di infezioni respiratorie virali.

Resta consigliato, anche per le donne in gravidanza, di intraprendere le normali azioni preventive per ridurre il rischio di infezione, come lavarsi spesso le mani ed evitare contatti con persone malate.

La trasmissione del COVID-19 attraverso il latte materno e l'allattamento al seno non è stata finora rilevata. Non c'è motivo per evitare o interrompere l'allattamento al seno. (Fonte: WHO)

Sì. I numerosi vantaggi del contatto pelle a pelle e dell'allattamento al seno superano sostanzialmente i potenziali rischi di trasmissione e malattia associati al virus. (Fonte: WHO)

La cura pelle a pelle immediata e continua, compresa la cura della madre canguro, migliora il controllo della temperatura dei neonati ed è associata a una migliore sopravvivenza. Mettere il neonato vicino alla madre consente anche l'inizio precoce dell'allattamento al seno, riducendo la mortalità. (Fonte: WHO)

Se non stai troppo bene per allattare il tuo bambino a causa del virus o altre complicazioni, dovresti cercare comunque un supporto per fornire al tuo bambino latte materno in modo sicuro in un modo possibile, disponibile e accettabile per te. Se l'estrazione del latte materno non è fattibile, prendere in considerazione l'allattamento al seno (un'altra donna che allatta il bambino), latte materno donatore o latte artificiale con misure per garantire che sia correttamente preparato e sicuro. (Fonte: WHO)

L'OMS e l'UNICEF consigliano di decidere di utilizzare le mascherine per i bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, basandosi sui seguenti fattori:

  • Se c'è una trasmissione diffusa nell'area in cui risiede il bambino.
  • Valutare la capacità del bambino di utilizzare in modo sicuro e appropriato una maschera.
  • Accesso, riciclaggio e sostituzione delle maschere in determinati contesti (come scuole e servizi di assistenza all'infanzia).
  • Adeguata supervisione di un adulto e istruzioni al bambino su come indossare e togliere in sicurezza le maschere
  • Potenziale impatto dell'uso di una maschera sull'apprendimento e sullo sviluppo psicosociale, in consultazione con insegnanti, genitori, tutori e operatori sanitari.
  • Interazioni che il bambino ha con altre persone ad alto rischio di sviluppare malattie gravi, come gli anziani. Non è comunque consigliato l’uso di mascherine al di sotto dei 5 anni di età.

L'OMS e l'UNICEF consigliano ai bambini di età pari o superiore a 12 anni di indossare una maschera nelle stesse condizioni degli adulti, in particolare quando non possono garantire una distanza di almeno 1 metro dagli altri. I bambini dovrebbero seguire gli stessi principi degli adulti quando indossano le maschere:  la pulizia delle mani per almeno 20 secondi se si utilizza uno sfregamento a base di alcol, o di almeno 40 secondi se si utilizza acqua e sapone, prima di indossare la mascherina. (Fonte: WHO).

L'uso di mascherine per bambini di qualsiasi età con disturbi dello sviluppo, disabilità o altre condizioni di salute specifiche non dovrebbe essere obbligatorio ed essere valutato caso per caso dal genitore, tutore o medico del bambino. In ogni caso, ai bambini con gravi disabilità cognitive o respiratorie con difficoltà a tollerare una maschera non dovrebbe essere richiesto di indossare mascherine. (Fonte: WHO)

I bambini non dovrebbero indossare una maschera quando praticano sport o svolgono attività fisiche, come correre, saltare o giocare nel parco giochi, in modo che non comprometta la loro respirazione. Quando si organizzano queste attività per i bambini, è importante incoraggiare tutte le altre misure critiche di salute pubblica: mantenere una distanza di almeno 1 metro dagli altri, limitare il numero di bambini che giocano insieme, fornire l'accesso alle strutture per l'igiene delle mani e incoraggiarne l'uso. (Fonte: WHO)

Qualsiasi bambino che abbia sintomi di COVID-19 dovrebbe indossare una mascherina medica, purché possa tollerarlo. Il bambino deve essere isolato e deve essere richiesto un parere medico non appena inizia a sentirsi male, anche se i sintomi sono lievi. Anche i familiari e assistenti che si trovano a meno di 1 metro dal bambino malato a casa dovrebbero indossare una maschera. Un membro della famiglia malato o risultato positivo al test del virus dovrebbe essere isolato da tutti gli altri, se possibile. Se il bambino si trova a meno di 1 metro dal malato a casa, l'adulto e il bambino devono indossare una mascherina medica durante questo periodo. (Fonte: WHO)

Qualsiasi bambino che abbia sintomi di COVID-19 dovrebbe indossare una mascherina medica, purché possa tollerarlo. Il bambino deve essere isolato e deve essere richiesto un parere medico non appena inizia a sentirsi male, anche se i sintomi sono lievi. Anche i familiari e assistenti che si trovano a meno di 1 metro dal bambino malato a casa dovrebbero indossare una maschera. Un membro della famiglia malato o risultato positivo al test del virus dovrebbe essere isolato da tutti gli altri, se possibile. Se il bambino si trova a meno di 1 metro dal malato a casa, l'adulto e il bambino devono indossare una mascherina medica durante questo periodo. (Fonte: WHO)

FAQ: Quali misure di protezione prendere quando si disinfettano ambienti non sanitari dove circolano bambini?

Quando si utilizzano disinfettanti:

  • Il disinfettante deve essere accuratamente selezionato per evitare di danneggiare le superfici e per evitare o ridurre al minimo gli effetti tossici sui membri della famiglia. Evitare di combinare disinfettanti, come candeggina e ammoniaca, poiché le miscele possono causare irritazione respiratoria e rilasciare gas potenzialmente fatali.
  • Tenere lontano bambini, animali domestici e altre persone durante l'applicazione del prodotto finché non è asciutto e non c'è odore.
  • Apri le finestre e usa i ventilatori per ventilare. Allontanati dagli odori se diventano troppo forti. Le soluzioni disinfettanti devono essere sempre preparate in aree ben ventilate.
  • Lavarsi le mani dopo aver usato qualsiasi disinfettante, comprese le salviettine per superfici.
  • Tenere i coperchi ben chiusi quando non in uso. È più probabile che si verifichino fuoriuscite e incidenti quando i contenitori sono aperti.
  • Non permettere ai bambini di usare salviettine disinfettanti. Tenere liquidi detergenti e disinfettanti fuori dalla portata dei bambini e degli animali domestici.
  • Getta gli oggetti usa e getta come guanti e maschere se vengono utilizzati durante la pulizia. Non pulire e riutilizzare.
  • Non utilizzare salviettine disinfettanti per pulire le mani o come salviettine per neonati.
  • L'equipaggiamento di protezione individuale minimo consigliato durante la disinfezione in ambienti non sanitari sono guanti di gomma, grembiuli impermeabili e scarpe chiuse. Possono essere necessarie anche protezioni per gli occhi e maschere mediche per la protezione contro i prodotti chimici in uso o in caso di rischio di schizzi. (Fonte: WHO)